Il trancio di prosciutto crudo toscano e le sue caratteristiche

trancio prosciutto crudo

Parliamo di Prosciutto crudo in tranci, quale è meglio scegliere?

Con l’arrivo della stagione calda i fuochi e i forni in casa si spengono per lasciare spazio e cibi freddi già pronti da poter mangiare in modo pratico, veloce, ma soprattutto senza aggiungere calore in casa. Uno degli alimenti più gettonati è proprio il prosciutto.

Prosciutto crudo in tranci: consumazione e conservazione

Il consigliamo sempre di prendere tranci da poter consumare entro 30 giorni circa. Il vostro prosciutto sarà ancora buono, ma ricordatevi che per gustare al  meglio le sue proprietà gustative e olfattive iniziali, non fate passare al prosciutto troppo tempo nei vostri frigoriferi.

Il consiglio è il medesimo anche se lo si mette in sottovuoto. Tranci esposti troppo a lungo a questa tecnica di conservazione non danno benefici al nostro prosciutto.

Caratteristiche del trancio di prosciutto crudo

Il trancio di prosciutto crudo ha una stagionatura con pepe nero per un minimo di 12 mesi ed un sapore e aroma molto pronunciato, tipico di questo prodotto.

Il Prosciutto Toscano è uno di quei prodotti che tutto il mondo invidia, famoso portavoce del Made in Italy di cui andiamo orgogliosi. Il trancio prosciutto crudo è costituito dalla coscia e dalla natica del maiale, compresa la zampa di maiale.

Viene stagionato con pepe nero per un minimo di 12 mesi, dopo una fase preparatoria di circa 1 mese in cui viene “massaggiato” con una miscela di pepe, aceto e aglio e poi ricoperto di sale.

La carne del trancio prosciutto crudo è di colore rosso vivo, con marmorizzazione evidente e un notevole spessore di grasso bianco rosato.

Caratteristiche del trancio di prosciutto crudo

Il trancio prosciutto crudo è un salume tipico italiano ottenuto dalla salatura a secco dalla coscia del maiale; in particolare da animali che hanno raggiunto un peso intorno ai 150 kg.

Caratteristiche principali evidenti all’occhio come la copertura di pepe nero, la polpa che va dal colore rosso vivo al rosso chiaro, il grasso di colore bianco con leggere venature rosate.

Il sapore forte e deciso, sapido e denso di aroma dovuto all’uso in stagionatura, sono tipiche del territorio toscano.

Coscia di suino, sale e tempo: questi sono gli ingredienti utilizzati nella lavorazione del prosciutto crudo. Una volta selezionate, le cosce sono massaggiate lungamente con sale; dopo un periodo di riposo, si lavano, spazzolano, asciugano e controllate per riscontrarne eventuali difetti e lasciate asciugare; ora ha inizio una lunga stagionatura, all’interno di locali adatti e controllati, dove i prosciutti sono appesi ad appositi telai: questo consente al prosciutto di assumere quelle caratteristiche organolettiche che lo hanno reso famoso in tutto il mondo.

Durante la stagionatura avviene la “sugnatura”, ossia le parti muscolari vengono ricoperte di una miscela naturale che impedisce al prosciutto di seccare troppo rapidamente.

Il nostro trancio di prosciutto crudo viene stagionato con pepe nero per un minimo di 12 mesi, dopo una fase preparatoria di circa 1 mese in cui viene “massaggiato” con una miscela di pepe, aceto e aglio e poi ricoperto di sale.

La carne del trancio prosciutto crudo è di colore rosso vivo, con marmorizzazione evidente e un notevole spessore di grasso bianco rosato.